Le regole nel settore assicurativo-bancario sono numerose e si modificano continuamente; i nostri corsi sono sempre aggiornati, per rimanere informati in modo puntuale, semplice ed efficace.

I titoli di questa collana sono indispensabili sia per la formazione di base sia per l'aggiornamento professionale e sono sempre adeguati alla normativa più recente. La collana può essere arricchita con corsi specifici relativi ad ogni area tematica.

 Corsi

2 ore

 

Intermediari R.U.I.; Dipendenti di Imprese di assicurazioni

 

Il Decreto antiriciclaggio, che rimane il testo di riferimento, attribuisce alle Autorità di vigilanza poteri normativi in materia di:

  • organizzazione, procedure e controlli interni
  • adeguata verifica della clientela

In questo corso sono illustrate in modo semplice e chiaro le regole più aggiornate per l’Adeguata verifica, introdotte e/o sistematizzate dal Regolamento IVASS numero 44 del 2019; sono infatti abrogati i precedenti Regolamenti ISVAP 41/2012 e IVASS 5/2014 su questa materia.

Indice degli argomenti:

  1. Introduzione
  2. I soggetti interessati
  3. Chi bisogna identificare
  4. Come bisogna identificare
  5. Cosa e quando va verificato
  6. Altre informazioni da raccogliere
  7. Il controllo costante
  8. Altri obblighi legati all’Adeguata verifica
  9. Misure semplificate di adeguata verifica
  10. Misure rafforzate di adeguata verifica
  11. Fattispecie particolari
  12. Riepilogo

L’intervento formativo è IVASS compliant, vale come aggiornamento per coloro che in passato hanno frequentato altri corsi sull’Antiriciclaggio e può essere integrato con un Modulo personalizzato sulle regole che ogni Impresa si è data e sulle sue procedure interne.

2 ore

 

Intermediari R.U.I.

 

Questo corso consente agli Intermediari di svolgere in modo consapevole la loro professione nel rispetto delle numerose norme che la regolano.

Ma cosa s’intende per “regole di comportamento”?
Consultando il dizionario, una definizione della parola “regola” è:
Modalità convenzionalmente stabilita secondo la quale si svolge un’attività”; come suoi sinonimi: legge, principio, metodologia, moderazione, disciplina, rigore; come contrari: disordine, improvvisazione, indisciplina, irregolarità, eccezione.

Si definisce “comportamento”, in particolare, un “insieme di azioni (di atteggiamenti) con cui l’individuo esterna la propria personalità, rapportandosi agli altri e all’ambiente”; sinonimi di “comportamento”: condotta, contegno, atteggiamento, modo di fare, modo di agire.

Le regole di comportamento non sono quindi semplici prescrizioni normative perché coinvolgono più nel profondo il nostro stesso modo di essere e di agire, che sarà sicuramente valutato e apprezzato dai Clienti.

 

2,5 ore

 

Intermediari R.U.I.; Dipendenti di Imprese di assicurazioni, Banche e istituti finanziari

 

Questo corso sulla previdenza complementare illustra:

  • come funziona il metodo contributivo e come la rendita si riduce per tutti 
  • il perché dell’ennesima riforma delle pensioni e l’esigenza ancora maggiore di previdenza complementare
  • quale è l’obiettivo della previdenza complementare e come funziona
  • le modalità di adesione alla previdenza complementare (contributi e scelte di investimento, vantaggi fiscali, vigilanza)
  • quali sono le forme pensionistiche complementari: Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP), Fondi pensione aperti, Fondi pensione negoziali, Fondi pensione nel pubblico impiego, Fondi pensione preesistenti
  • come proporre efficacemente la previdenza complementare.

2 ore

 

Dipendenti di Imprese di assicurazioni, Banche e istituti finanziari; Intermediari R.U.I.; Operatori di Call center

 

Nella società odierna, chiamata “società dell’informazione”, i dati rappresentano uno dei beni più preziosi posseduti da un’Impresa, sia essa di grandi o di piccole dimensioni.
La conoscenza del Codice Privacy è quindi indispensabile per tutti coloro che raccolgono e trattano i dati personali, siano essi Intermediari assicurativi, Dipendenti delle Imprese di assicurazioni o Operatori di Call center.

Scopo di questo corso, che teniamo costantemente aggiornato, è illustrare i principi generali della protezione dei dati personali, con particolare attenzione alle regole che riguardano il settore assicurativo, bancario e finanziario.

Il Discente conoscerà, durante il suo percorso:

  • i Soggetti che possono effettuare il trattamento dei dati
  • le regole che disciplinano il trattamento dei dati
  • le principali interpretazioni e disposizioni del Garante in merito al delicato tema del rapporto tra marketing e privacy.

Il corso:

  • fornisce tutte le informazioni di base sull’argomento, appositamente selezionate tra quelle presenti sul sito del Garante: prima la norma e poi il commento
  • può essere integrato con l’illustrazione delle regole che ogni Impresa si è data e delle sue procedure interne (con apposito Modulo personalizzato)
  • è aggiornato al Regolamento dell’Unione Europea numero 679 del 27/4/2016 che si applica dal 25 maggio 2018.

2 ore

 

Intermediari R.U.I.; Dipendenti di Imprese di assicurazioni, Banche e istituti finanziari

 

Una persona che abbia intenzione di richiedere un mutuo può sentire la necessità di proteggersi dall’eventualità di non riuscire a estinguere il debito, per cause indipendenti dalla sua volontà.

Per questo motivo è importante conoscere le polizze “Payment Protection Insurance” o “Credit Protection Insurance” (PPI o CPI), che sono contratti pensati in modo specifico per soddisfare questa esigenza di protezione.

I prodotti in questione non servono solo per i mutui, ma anche, più in generale, per altri tipi di finanziamento.

Il corso è aggiornato alla più recente normativa.

 

2 ore

 

Intermediari R.U.I.; Dipendenti di Imprese di assicurazioni, Banche e istituti finanziari

 

Il Corso tratta le norme generali per la Tutela del Consumatore contenute nel Codice del Consumo e le funzioni dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato correlate con suddetta tutela.

In particolare, l'intervento formativo si focalizza su: pratiche commerciali scorrette, pubblicità ingannevole e clausole vessatorie; in merito a queste ultime vengono forniti interessanti esempi riferiti all’ambito assicurativo.

Queste norme per la Tutela del Consumatore integrano le regole di comportamento stabilite dal CAP e dall’IVASS per gli Intermediari assicurativi.